Su quali fonti si basa Yuka per l'analisi degli additivi?

Ophélia aggiornato il da Ophélia

Il nostro quadro di riferimento per l'analisi degli additivi si basa sulle odierne conoscenze scientifiche.

Prendiamo in considerazione:

1) Relazioni collettive di esperti: EFSA (Autorità europea per la sicurezza alimentare), ANSES (Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare, ambientale e occupazionale) o IARC (Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro).

2) L'insieme degli studi scientifici indipendenti.

In base ai differenti elementi esistenti su ognuno degli additivi, ogni additivo è associato a un livello di rischio: senza rischi (disco verde), rischio limitato (disco giallo), rischio moderato (disco arancione), rischio elevato (disco rosso).

In generale, Yuka applica il principio di precauzione e avviso sulla presenza di additivi controversi, anche se il rischio è ancora solo sospetto e non dimostrato.

👉La descrizione del rischio potenziale associato a ciascun additivo, nonché le corrispondenti fonti scientifiche, sono riportati nell'applicazione.

Questo articolo ti è stato utile?

Come vengono valutati i prodotti alimentari?

Perché le bevande vengono valutate diversamente? 🥤

Contattateci